Eventi


25-26 Novembre, 2017 | Venezia

corso-di-duduk-11-2017_page_1

Programma del corso in dettaglio


 

duduk-workshop-11-2017_page_1

Duduk workshopdetailed program


locandina-gabriella



scacchi-evento-culturale


07-31 settembre 2017 | Mostra ed eventi a Venezia

dropping-seeds-locandina

Invito | Programma – it | Program – eng


19 luglio 2017 – Concerto in Casa Armena | Milano 

ansahman

Lasciatevi trasportare dalle antiche melodie di Ansahman e uscirete da questa serata inebriati da una commistione di rimandi nostalgici .
Mercoledì 19 Luglio 2017 avrete il piacere di poter ascoltare presso la Casa Armena di Milano questo interessante duo composto dalla cantante armeno-statunitense Anaïs Tekerian (membro del noto trio a cappella Zulal) e dalla chitarrista triestina Anna Garano.
Tutto è nato da un loro incontro fortuito a New York, qualche anno fa , durante il quale hanno scoperto di condividere la passione per il patrimonio musicale armeno desiderando dargli voce. Tale desiderio si è concretizzato lo scorso anno con la pubblicazione per la prestigiosa etichetta Fonè dell’omonimo cd “Ansahman” (che in armeno significa “illimitato”), dedicato da Anna e Anais “alla memoria di coloro che, cent’anni fa, si persero nel genocidio, ma anche a chi, ovunque nel mondo, si trova lontano da casa, lontano dalle proprie amate fontane, vivendo vite “piene di tempeste…” (*dalle note di copertina).
Avrete la possibilità di sentire melodie tradizionali armene arrangiate in modo inedito per voce e chitarra flamenca sentendovi cullati da una dolce magia melodica.
Anna ed Anaïs si sono esibite negli Stati Uniti e in altre città europee, sarà dunque un gran privilegio poterle avere a Milano presso la centralissima Casa Armena, sempre pronta ad accogliere iniziative musicali e culturali di livello.
http://www.ansahman.com/web/home.html
Contattare Segreteria UAI per ulteriori informazioni

Vi aspettiamo il 19 Luglio alle 21 al 3° piano di Piazza Velasca 4, a Milano!!!

L’iniziativa dell’Unione degli Armeni d’Italia, ospitata gentilmente dalla Casa Armena è stata coordinata da Gayané Khodaveerdi, a cui va il nostro sincero ringraziamento.


locandina-tallis


presentazione-uluhogian-parma-26-maggio

Locandina in pdf


locandina_workshop_armenia

Locandina in pdf


19-05-2017-locandina2-1

Locandina in pdf


locandina_vkayutiun

Locandina in pdf


 armeni_80x200_5_page_1

armeni_80x200_5_page_2

Locandina in formato PDF


20 aprile 2017

voce-delle-pietre-_invito_page_1

voce-delle-pietre-_invito_page_2


metaksya-2017


affinita-con-i-cieli-notturni


iii-seminario-arte-armena-1


ANSC volantino AdAgio 16-17


23 febbraio 2017 XI Giornata


GENOCIDIO LOCANDINA Ani Balian def


26 gennaio 2017

L’Ambasciata della Repubblica d’Armenia in Italia è lieta di segnalarvi, in occasione della Giornata della Giornata, l’incontro “Dalla memoria della Shoah ai Giusti del nostro tempo. Una legge per ricordare il bene”, organizzato da Gariwo e dall’on. Milena Santerini.

L’appuntamento è per giovedì 26 gennaio alle ore 14.30 presso la Sala del Mappamondo di Palazzo Montecitorio

Con i saluti di Marina Sereni – Vice Presidente della Camera dei Deputati; Noemi Di Segni – Presidente UCEI – Unione Comunità Ebraiche Italiane; Victoria Bagdassarian – Ambasciatrice della Repubblica d’Armenia; Emanuele Fiano – Deputato, Capogruppo PD Commissione Affari Costituzionali; Gabriele Nissim – Presidente Gariwo, la foresta dei Giusti. Introduce Milena Santerini – Deputata Democrazia solidale – CD, Presidente Alleanza Parlamentare contro l’intolleranza e il razzismo del Consiglio d’Europa. Modera Antonio Ferrari – Editorialista Corriere della Sera.

Seguiranno gli interventi di Emilio Barbarani – già Ambasciatore a Santiago del Cile; Stefano Levi Della Torre – Saggista; Giorgio Mortara – Vice Presidente UCEI; Françoise Kankindi – Presidente Bene Rwanda.

Per partecipare è necessario accreditarsi scrivendo a:  teresa.marotta@camera.it Obbligo di giacca per gli uomini 26 gennaio 2017_Dalla memoria della Shoah ai Giusti del nostro tempo


Locandina_Memoria_condivisa Locandina in pdf


Circolo Filologico Milanese il canto spezzato


25 novembre 2016 | Venezia

Presentazione e proiezione del film Il Colore del Melograno di Sergej Paradjanov

25 Novembre h. 18.00 | Loggia del Temanza, Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena | Dorsoduro 1602 (Corte Zappa), Venezia

Finissage della mostra personale di Tatiana Daniliyants | I DONI DI VENEZIA PER SERGEJ PARADJANOV

27 Novembre h. 17.00 | VeniceinaBottle, Castello 1794 SP

In occasione del finissage della mostra “The Gifts of Venice to Sergej Paradjanov”, VeniceArtFactory insieme al Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena presentano un incontro dedicato ad omaggiare la figura dell’intellettuale e regista Sergej Paradjanov, che ha ispirato il progetto espositivo di Tatiana Daniliyants.

Ospitato presso la Biblioteca Zenobiana del Temanza sede del Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena, l’incontro inizierà con i saluti del direttore Minas Lourian e Francesca Giubilei (curatrice e direttrice dello spazio espositivo VeniceInaBottle e VeniceArtfactory).

Precederanno la proiezione del film “Il Colore del Melograno” (Sayat-Nova), gli interventi di Tatiana Daniliyants (artista, regista, poeta), Roberto Ellero (critico cinematografico) e Paola Mildonian (docente di Letterature comparate, autrice di numerosi studi sulle relazioni linguistiche e letterarie tra Oriente e Occidente e traduttrice del Canzoniere armeno di Sayat-Nova).

Il giorno 27 novembre presso lo spazio espositivo VeniceinaBottle si concluderà ufficialmente il lungo itinerario percorso dalla mostra personale di Tatiana Daniliyants “The Gifts of Venice to Sergej Paradjanov”.

IL FILM: Il Colore del Melograno (Sayat-Nova)

Presentazione e proiezione: 25 novembre ore 18.00, Loggia del Temanza, Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena, Dorsoduro 1602 (Corte Zappa)

Il film è la biografia di Sayat Nova, poeta armeno del XVIII secolo. La sua vita non è qui raccontata in maniera tradizionale, bensì attraverso dei tableaux che ne rievocano in maniera metaforica e surreale le varie fasi: ricordi, illuminazioni metafisiche, pantomime, simboli religiosi del folklore caucasico. A cavallo tra l’arte dell’occidente cristiano e quella dell’oriente islamico. Il film fu bandito dall’Urss, costò al visionario regista sette anni di prigionia, ma segnò il film di poesia per sempre.

Posti limitati – si prega di prenotare all’indirizzo: segreteria@centrostudiarmeni.it sp1sp2 LA MOSTRA: The Gifts of Venice to Sergej Paradjanov

Finissage: 27 novembre  a partire dalle ore 17.00, Veniceinabottle, Castello 1794

La mostra comprende un’opera composita con vetro di Murano e tessuti veneziani Bevilacqua, un video con interviste a veneziani di origine armena che ricordano i loro incontri con Paradjanov (Levon Zekiyan e Baykar Sivalziyan) e alcuni collage fotografici tematici dove l’artista “cita” l’approccio sperimentale all’arte di Paradjanov, miscelando tecniche e materiali differenti.

La mostra è stata presentata anche al Museo d’Arte Moderna a Yerevan, in Armenia (2014), al Museo Statale di Architettura intitolato a Schusev a Mosca (2015), al Museo Statale di Belle Arti di Ekaterinburg e al Museo di Storia Nazionale presso la capitale della Georgia, Tbilisi.

Comunicato Stampa


I-disobbedienti-Kuciukian_locandina


Il_canto_spezzato unione


11.13 novembre 2016 1280px-Orientalinstitute2

Si svolge a Roma il Congresso internazionale Damasco prisma di speranze presso il Pontificio Istituto Orientale nei giorni 11-13 novembre, nel quadro delle iniziative per il centenario della fondazione dell’Istituto. Al convegno parteciperanno, tra gli altri, S.S. Aram I (catholicosato della Grande Casa di Cilicia); S.E.R. Mons. Levon Boghos Zekiyan e S.E. Mikayel Minasyan, Ambasciatore della Repubblica Armena presso la Santa Sede e lo S.M.O.M.

Programma


9-13 novembre 2016

La Casa di Cristallo insieme con Nairi onlus di Padova, è lieta di invitarvi al DESSARAN FESTIVAL | settimana della cultura armena che si svolgerà a Padova dal 9 al 13 novembre 2016 | L’evento, patrocinato dal Comune di Padova e da Padova incontro della cultura e realizzato in collaborazione con il Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena, con ItaliArmenia e con la Scuola di musica Gershwin, consiste in una serie di eventi dedicati alla cultura armena, tra i quali l’atteso concerto della Corale armena AKN di Parigi |Segue il programma dettagliato degli eventi.

Vi aspettiamo numerosi!

Antonia Arslan Dessaran Settimana cultura armena Dessaran_Settimana cultura armena


Milanino


10 novembre 2016 Locandina AKN-Roma Presentazione


7-9 novembre 2016

Nei giorni 7-9 novembre si terrà il VII Dies Academicus della Classis Orientalis dell’Accademia Ambrosiana, in memoria di Khaled al-Asaad. La III sessione (martedì 8 novembre – mattina) sarà dedicata al tema : Armenia crocevia di testi, lingue, culture e saperi con interventi di Abraham Terian, Valentina Calzolari, Paola Mildonian e Moreno Morani | Seguono le locandine dell’evento:

LOCANDINA | Programma


Armenia civiltà di frontiera 11-2016 Locandina in pdf


ARMENI bozza loc copy


15 ottobre 2016

“Un viaggio in Armenia”, di Luigi Vigliotti, è il titolo della mostra fotografica che Spaziogmarte inaugura sabato 15 ottobre alle ore 16,00. Il progetto raccoglie una serie di fotografie scattate in più anni e durante differenti viaggi nei territori al confine fra la Turchia, Caucaso ed Iran e, nella sua interezza, s’intitola “Ricordi d’Armenia”. Vigliotti è un geologo che vive a Bologna e che ama, nei suoi viaggi, spingersi alla scoperta anche di luoghi poco accessibili, varcando aree lontane dai percorsi turistici, a volte quasi dimenticate dal tempo seppure ancora presenti con proprie popolazioni e culture…

Per saperne di più


12-14 ottobre 2016

Stampaflyer_retrodef

Il Conservatorio “Lucio Campiani” Campiani l’Istituto Superiore “Carlo D’Arco e Isabella D’Este” sono lieti di invitarLa alla rassegna IL GENOCIDIO DEGLI ARMENI STORIA, NARRAZIONE, MUSICA SUL METZ YEGHÈRN preludio al progetto Settimana della Memoria 2017

Ingresso libero per la cittadinanza a tutti gli eventi

L’iniziativa si colloca nel contesto di una riflessione che da diversi anni il Liceo e il Conservatorio promuovono sul tema della Shoah e più ampiamente sui genocidi del Novecento; quello armeno può di fatto essere considerato il primo drammatico genocidio dell’età contemporanea, che anticipa per alcuni versi la Shoah. La rassegna Il genocidio degli armeni. Storia, narrazione e musica sul Metz Yeghèrn costituisce una sorta di preludio alle celebrazioni della Settimana della Memoria 2017.

La conferenza vedrà come relatori la scrittrice di origini armene Antonia Arslan e lo storico Marcello Flores in un dialogo a due voci  sullo sterminio degli armeni tra storia e narrazione. Antonia Arslan, nella sua trilogia “La masseria delle allodole”, “La strada per Smirne” e “Il rumore delle perle di legno”, intreccia ricordi di famiglia e storia del Metz Yeghèrn. Marcello Flores, nel suo saggio Il genocidio degli armeni, ripartendo dalla storia ottocentesca dell’Impero ottomano e dei rapporti tra turchi, armeni e curdi, ricostruisce le radici storiche degli eventi del 1915. Al termine di entrambe le conferenze verranno eseguite musiche della tradizione armena di Padre Komitas, religioso, musicista e compositore, insigne etnomusicologo autore della più grande raccolta di musiche popolari e religiose della tradizione armena; salvatosi dal genocidio morirà pazzo a Parigi dopo aver visto impotente gli orrori dello sterminio del suo popolo e distrutta buona parte del suo lavoro etnomusicologico. Protagonisti il soprano Elena Guerreschi e il flautista Daniele Braghini, accompagnati al pianoforte da Luca Colombarolli eseguiranno liriche per canto e pianoforte ed una sonata per flauto e pianoforte. E’ doveroso un ringraziamento al Dott. Minas Lourian di Venezia, Presidente dell’Unione armeni d’Italia che ha messo a disposizione del progetto le introvabili musiche di Padre Komitas.

Programma in dettaglio


Riceviamo e pubblichiamo con piacere le locandine riguardanti le prossime attività relative al progetto Armenia Amica che si svolgeranno a Treviso:

20.10.2016 film “La masseria delle allodole” Teatro sant’Anna S, Maria del Rovere | 28.10.2016 “Musica e poesie” all’Auditorium Stefanini | 09.11.2016 film “Mayrig” Teatro sant’Anna S, Maria del Rovere | 16.11.2016 film “588 Rue Paradis” Teatro sant’Anna S, Maria del Rovere | 23.11.2016 film “Il padre” Teatro sant’Anna S, Maria del Rovere. Per ulteriori informazioni consultare il sito: www.italiarmenia.it Pieghevole poesie e musica | Pieghevole Rassegna Cine e poesia


MMW_Roll_up_80x200_MC1


29 settembre 2016

Conversano, Giovedì 29 settembre 2016, alle ore 18,00, nella sala convegni dell’ex monastero di San Benedetto, su iniziativa del Centro Ricerche di Storia ed Arte, nell’ambito della Celebrazione dell’anniversario del genocidio armeno, il chiar.mo Prof. Domenico Cofano, dell’Università degli studi di Foggia e Direttore dell’Archivio storico “Hrand Nazariantz” del Centro ricerche, presenterà i volumi “Il genocidio armeno | una memoria pugliese, un progetto per il futuro” di Luigi Antonio Fino e “Hrand NazariantzPoeta armeno esule a Conversano” di Giuseppe Lo vecchio. Interverranno Giuseppe Lovascio, Sindaco di Conversano, Francesco Tateo, Professore emerito dell’Università degli Studi di Bari, e Rupen Timurian, Rappresentante dell’UAI (Unione degli Armeni di Puglia). Coordinerà Matteo Lorusso del Centro Ricerche. L’obiettivo primario dell’iniziativa è quello di coinvolgere il mondo della scuola al fine di sensibilizzare a questa tematica le nuove generazioni. Questa iniziativa ha inoltre la finalità di far conoscere l’Archivio storico “Hrand Nazariantz” del Centro Ricerche, vincolato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali in ragione dell’indubbio interesse che esso riveste per gli studi della letteratura italiana del Novecento, ai sensi del D.P.R. 30.9.1963, n. 1409, ex art. 36 (n. 2 Notifiche: del 13.11.1985 e del 26.09.1992)

Conversano locandina


21 settembre 2016 HAY DUN | CASA ARMENA

Cari Soci ed amici in occasione del 25′ Anniversario della Repubblica d’Armenia Vi invitiamo al Ricevimento Consolare da parte del nostro Console Onorario dott. Pietro Kuciukian e all’ Apertura dell’Anno Sociale 2016-2017 di Casa Armena – Hay Dun, Mercoledi’ 21 settembre alle 18.30 | Avremo l’onore di conoscere l’Ambasciatrice della Repubblica Armena in Italia S.E. Victoria Bagdassarian

Alle 18.30 Saluti  di benvenuto al Corpo Consolare del Console Onorario Pietro Kuciukian | Saluti di benvenuto e Apertura Anno Sociale di Casa Armena – Hay Dun  del presidente Marina Mavian | Alle 19.00 Discorso dell’ Ambasciatrice della Repubblica d’ Armenia in Italia, S.E. Victoria Bagdassarian

Dopo il rinfresco, alle 20.30 Concerto del prestigioso “Ensemble de la Paix” che eseguira’ brani di Komitas e Gurdjieff

Programma in dettaglio: 21 settembre 2016 | concerto 21 settembre | Ensemble de la Paix


21 settembre 2016

Cari amici, vi invitiamo a partecipare gratuitamente alla presentazione del Corso di Danze dal Mondo (armene, greche, italiane, russe, polacche e gitane) dell’artista armena  Sona Hakobyan,  che avrà luogo mercoledì 21 settembre alle ore 18.30 in via Palermo 28 | Associazione della Comunità Armena di Roma e del Lazio www.assoarmeni-romalazio.blogspot.com

Sona Hakobyan


OK LOCANDINA Omaggio all'Armenia


6-7 maggio 2016 Palabra Locandina_rid PALABRA – programma/it | program/eng | Locandina/Poster pdf


30 aprile – 15 maggio 2016 tintoretto a erevan_Page_1 Programma dettagliato in pdf


10 maggio 2016 Caucaso_Page_1 Caucaso – pdf


28 aprile 2016 Locandina CS A4 03


15 aprile 2016 locandina genocidio armeno


ITALIARMENIA locandina eventi 2016 (1)


16 aprile 2016 Barby


6 aprile 2016 | ore 18 | Sala Silentium – vicolo Bolognetti, 2 – Bologna Armeni: la storia di un popolo, la difesa della memoria

Saluti: Milena Naldi, Presidente del Quartiere San Vitale | Luca Alessandrini, Direttore dell’Istituto per la Storia e le Memorie del 900 “Ferruccio Parri” | Mauria Bergonzini, Coordinatrice delle donne Anpi di Bologna | Relatori: Anna Sirinian, Università di Bologna – “Armenia una cultura plurimillenaria” | Alberto Melloni, Fondazione per le Scienze Religiose “Giovanni XXIII” – “La questione armena nella documentazione pontificia” | Baykar Sivazliyan, Univ. Statale di Milano – “La Memoria della rinascita: il Genocidio e la Diaspora Moderna” | Coordina: Anna Cocci Grifoni, Consigliera del Quartiere San Vitale


22-24 marzo 2016

A Milano SDD Shakespeare Dead Dreams, co-produzione italo armena tra Versiliadanza e Small Theatre NCA

Milano – Teatro Sala Fontana , Via G.A. Boltraffio 21

E’ in scena dal 22 al 24 marzo 2016, al Teatro Sala Fontana di Milano, SDD – Shakespeare Dead Dreams, co-produzione italo-armena tra Versiliadanza e lo Small Theatre/NCA, un lavoro firmato dal giovane regista armeno Vahan Badalyan considerato oggi il miglior protagonista della scena teatrale armena e appena insignito del Premio Artavazd (corrispondente al nostro premio UBU) e dalla coreografa Angela Torriani Evangelisti.

SDD – Shakespeare Dead Dreams si ispira a quattro capolavori di William Shakespeare – Amleto, Otello, Macbeth e Re Lear – e porta in scena  l’universo femminile e il suo specchio: Desdemona e Otello, Lady Macbeth e Macbeth, Cordelia e Re Lear, Ofelia e Amleto.

Nel teatro del grande drammaturgo inglese viene infatti spesso indagata la figura femminile quale elemento centrale delle narrazioni e Shakespeare ha dato vita ad alcuni dei più famosi personaggi della storia, basti pensare a Lady Macbeth, Ofelia, Desdemona e Giulietta. Donne forti e malvagie, fragili e buone, romantiche ed innamorate, pazze d’odio e matte per amore: ogni personaggio gioca un ruolo ben preciso in ogni opera. Il carattere di ogni donna è rapportato al contesto e alle situazioni in cui si viene a trovare, e in base a questi ulteriori elementi assume ogni volta una luce nuova: non ci sono stereotipi, maschere, la natura della donna è espressa in tutta la sua profondità, nelle sue mille sfaccettature, nelle sue certezze, nelle sue contraddizioni. Gli stessi protagonisti maschili daranno le proprie impressioni e definizioni. Otello dirà “fragilità, il tuo nome è donna!”, nel Re Lear “uno spirito deforme è meno orribile nel diavolo che in una donna”.

Nello spettacolo SDD Shakespeare Dead Dreams il regista armeno Vahan Badalyan in collaborazione con la coreografa italiana Angela Torriani Evangelisti presenta una galleria di personaggi Shakespeariani attraverso i linguaggi del teatro e della danza. SDD è un viaggio polifonico e surreale nei quattro drammi di Shakespeare e gioca tra vari parallelismi delle figure principali. La composizione dei diversi quadri esalta la tavolozza dei colori intensi della natura umana e della sua affettività, appassionatamente e algidamente portate in scena dai tre interpreti in scena: Arsen Khachatryan, Leonardo Diana e Angela Torriani Evangelisti. I colori tenui e pastello si sviluppano gradualmente nel tessuto scarlatto della disperazione, delle decisioni fatali, della passione e della morte.

Per maggiori dettagli


23 marzo 2016

Incontro dal titolo “IDENTITÀ ERRANTI E DIVERSITÀ PERSEGUITATE SUL FILO DELLA MEMORIA” che si terrà il prossimo 23 marzo nella sede della Dante Alighieri di Roma e che vedrà presenti i seguenti relatori per i saluti istituzionali: Alessandro Masi, Segretario Generale della Società Dante Alighieri | Stefania Del Bravo, Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO | Sargis Ghazaryan, Ambasciatore della Repubblica d’Armenia in Italia – Intervengono: Pietro Neglie, docente di Storia Contemporanea dell’Università di Trieste | Antonia Arslan, scrittrice italiana di origine armena | Fariborz Kamkari, regista iraniano di origine curda.

Invito IDENTITÀ ERRANTI E DIVERSITÀ PERSEGUITATE


16-17 febbraio 2016 | Presentazione/proiezione di un documentario sui profughi siriani in Libano, del regista Nigol Bezjian a Fiesole-Firenze e conferenza sul suo documentario dedicato all’unico orfanotrofio turco di orfani armeni sopravvissuti al genocidio, basato su studi di storici armeni e turchi (vedi dettagli in inglese).

Nigol Nigol Thank you Ladies and Gentlemen

Synopsis | Nigol Bezjian deliberately avoids violence, bloodshed, bombs, horrific images, politics, statistics, manipulated TV reports and superficial journalism that have become more of a curse than a blessing attached to the complex Syrian conflict.  Instead the film takes a poetic look at the daily life of Syrian refugees who have found themselves in the peaceful and depoliticized camps; in the Western Bekaa valley of Lebanon, where refugees have started a new life with hopes of peace and desire of returning to their steads. The film depicts a full day from sunrise to sunset in the camps where the minute becomes enormous through the lens of the filmmaker.

Nigol Bezjian was Born in Aleppo, Syria, and lived and worked in many countries. He is a graduate of cinema studies from School of Visual Arts and UCLA. He has made many films and won awards from prestigious international film festivals. He is a senior TV producer in the Middle East. An artist as well as a filmmaker, Nigol Bezijian participated at the Venice Biennale 2015; together with the other Armenian artists and curator of the Armenian National Pavilion, he has received the Golden Lion. For more information, please see: http://www.armenity.net/


The Department of History and Civilization is pleased to announce the lecture After this Day | Armenian and Turkish historians on the Aintoura orphanage for Armenian genocide orphans by Nigol Bezijan (Filmmaker) and Suzan Meryem Rosita Kalayci (EUI) | Discussant: Alexander Etkind (EUI) | Wednesday, 17 February 10:00 | Sala Europa, Villa Schifanoia

Abstract: Aintoura was the only Turkish orphanage for Armenian genocide orphans and was located in a small hill-side village close to Beirut. This orphanage played an important – yet unknown – role in the Turkification of mostly Armenian (genocide) orphans during the years 1916-1918. Tellingly nicknamed the ‘orphanage from hell’, Aintoura fell under the directorship of Halide Edib Adivar, in 1916. Adivar, nowadays celebrated as the first Turkish feminist, tried to bring peace and order into the orphanage with the help of the educational methods of a certain Italian educationalist called Maria Montessori. From Adivar’s memoirs we learn that while the majority of children living at the orphanage were Armenians, the orphanage also opened its doors to Kurdish and Turkish orphans, a fact that lent itself to inter-racial conflict in their everyday lives. Memories of the still raging war were acted out in the playground and the orphaned children formed violent gangs along racial lines.

As filmmakers and historians, we all want to tell a story. Often our work intersects and beautiful coincidences happen. In our talk we want to explore different aspects of the Aintoura orphanage but also hope to engage in a discussion about what it meant for us to come together and shed light on this long-forgotten orphanage. Nigol Bezjian’s film After this Day tells the story of how Armenian and Turkish historians came together and discussed Aintoura in its historical terms. Suzan Meryem Rosita Kalayci was one of the historians from the Turkish side interviewed for the film.

Everybody is welcome to attend but please register with Laura Borgese: laura.borghese@eui.eu


identita'religiose


27.02.2016-genocidio popolo armeno-4

Trezzano SN (Milano), marzo 2016  – Grande successo di pubblico per la serata organizzata dalla Pro Loco di Trezzano Sul Naviglio (Milano) in collaborazione con l’Unione degli armeni d’Italia il 27 febbraio scorso dal titolo “Il genocidio dimenticato di un popolo”. La serata ha visto l’intervento di apertura del sindaco, Fabio Bottero, che si è impegnato a portare in Consiglio comunale una mozione sul riconoscimento del genocidio, seguito da Baykar Sivazliyan, presidente dell’UAI e dall’ingegner Garen Kokciyan, che ha tenuto una lunga lezione molto partecipata sulla storia dell’Armenia, i suoi legami con l’Italia, fino agli anni drammatici del genocidio. In conclusione, l’intervento dello scrittore armeno Cesar Balaban. Intermezzi lirici con letture di brani e poesie armene ed esibizione di danze tradizionali.

Ecco alcune immagini:

trezzano7 trezzano8


25 febbraio, ore 17.00 | Palazzo Isimbardi | via Vivaio 1, Milano

L’Unione armeni d’Italia è lieta di invitare la S.V al dibattito Turchia nella Nato: alleati sì, ma a quale prezzo? Dal genocidio del popolo armeno alla questione curda, dal ruolo nella guerra civile in Siria, agli appetiti sui territori ex ottomani. L’ambigua politica del Paese che bussa alle porte dell’Europa

Ne discutono: Baykar Sivazliyan, docente di Lingua e Letteratura armena Università Statale di Milano | Fausto Biloslavo, reporter di guerra | Luca Bernardini, storico ed esperto di minoranze Università Statale di Milano Modera: Riccardo Pelliccetti, caporedattore del Giornale

Info: Silvia Paterlini – Unione armeni d’Italia stampa.unionearmeni@gmail.com | cell.: 366 6873 416 Palazzo Isimbardi

Secondo incontro organizzato dall’Unione armeni d’Italia a Palazzo Isimbardi per riflettere sulla situazione in Medio Oriente | “Turchia nella Nato: alleati sì, ma a quale prezzo? Dal genocidio del popolo armeno alla questione curda, dal ruolo nella guerra civile in Siria agli appetiti sui territori ex ottomani: l’ambigua politica del Paese che bussa alle porte dell’Europa”. Se n’è discusso giovedì 25 febbraio a Palazzo Isimbardi, sede istituzionale della Città metropolitana di Milano, in un incontro organizzato dall’Unione armeni d’Italia. Sono intervenuti Baykar Sivazliyan, docente di Lingua e Letteratura armena alla Statale di Milano e presidente dell’Unione armeni d’Italia, Fausto Biloslavo, inviato speciale del Giornale, Luca Bernardini, storico ed esperto di minoranze alla Statale di Milano. Moderatore, Matteo Carnieletto Ilgiornale.it.


Zekiyan_IstItStFil-NA-100216


28 gennaio 2016 | ore 17:30 | Università Statale di Milano DURK M.O. Milano 2016


13 gennaio 2016 alle ore 19 LINDA DORIGO, ANDREA MILLUZZI: RIFUGIO – CHRISTIANS OF THE MIDDLE EAST presentazione e booksigning

L’antichità del Cristianesimo giace dal monte Libano alle valli delle pendici iraniane del monte Ararat. Sin dall’antichità le valli e i monti sono serviti da rifugio per le comunità monastiche e coloro che erano in cerca di solitudine. In tempi moderni si stima che siano circa 12 milioni i cristiani in Medio Oriente, ma solo pochi sono rimasti a vivere nella regione a causa del fondamentalismo religioso e delle persecuzioni. Milioni di cristiani sono emigrati in Nord America, Europa e Australia.

Rifugio – Christians of the Middle East è il primo libro della fotogiornalista Linda Dorigo, realizzato insieme al giornalista Andrea Milluzzi e uscito per la casa editrice olandese Schilt Publishing.

cover-211x300

Fino al 9 marzo è possibile visitare la mostra di questo progetto presso Villa Manin

L’appuntamento è per mercoledì 13 gennaio alle ore 19 Micamera – via Medardo Rosso, 19 – 20159 Milano www.micamera.com (libreria) www.micamera.it (corsi, eventi, mostre) tel. +39 02 45481569 per arrivare: metrò lilla, fermata Isola + 5 minuti a piedi metrò verde, fermata Garibaldi (uscita via Pepe) + 5 minuti a piedi metrò giallo, fermata Zara + 10 minuti a piedi


PresentazioneA4Enigma Alfabeto Armeno


Hasan Cemal Guerini


Invito Casa della memoria 10 dicembre 2015


Sayat Nova 9-12-2015 (1)


9 dicembre 2015 | ore 17.30 | Palazzo Isimbardi, Corso Monforte, 35 Milano | presentazione libro  “Storie e Leggende del Popolo Curdo”, di Baykar Sivazliyan (TARKA, 2015) Invito

Il ruolo della Turchia ieri e oggi nello scacchiere del Medio Oriente:  il genocidio armeno negato, la questione curda, la posizione turca rispetto alla guerra civile in Siria e all’ISIS. Se ne è discusso mercoledì 9 a Palazzo Isimbardi, sede istituzionale della Città metropolitana di Milano, in un incontro dal titolo “Dove va la Turchia? Frammenti dell’Impero ottomano” organizzato in occasione della presentazione del volume “Storie e Leggende del Popolo curdo” di Baykar Sivazliyan, eperto di Medio Oriente e Docente di Lingua e Letteratura armena alla Statale di Milano. Al tavolo, Baykar Sivazliyan, Livio Caputo giornalista e scrittore, Lorenzo Cremonesi, inviato speciale del Corriere della Sera, Stefano Bruno Galli, Docente di Storia delle Dottrine politiche alla Statale e consigliere regionale.
Curdi-turchi

Locandina5-6dicembre_Cave


locandina fiabe in salsa armena


6 dicembre 2015 | Serata per l’Armenia. “Armeni in Iran. Arte, architettura e Cristianità” | Sala di Santa Cecilia, Basilica di Santa Cecilia

Invito


30 novembre 2015 – Teatro La Fenice | Venezia

Hespèrion XXI diretto da Jordi Savall con “Spirito d’Armenia” apre la Stagione di Musica da Camera 2015-2016 della Società Veneziana di Concerti, lunedì 30 novembre 2015, alle ore 20.00 al Teatro La Fenice. Serata organizzata in collaborazione del Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena.

Jordi Savall – Spirito d’Armenia – La Fenice


25 novembre – 1 dicembre 2015

Trittico armeno alla Società del Quartetto di Milano, con un concerto della Hespèrion XXI diretto da Jordi Savall

Depliant Trittico armeno


24 novembre 2015 | ore 17.00

Biblioteca Zenobiana del Temanza | sede del Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena | Venezia

Presentazione del libro di Hasan Cemal, 1915: Genocidio Armeno, pubblicato di recente dall’Editore Guerini di Milano è un libro importante e sino a poco tempo fa inimmaginabile. Il suo autore Hasan Cemal, giornalista e scrittore turco, è infatti il nipote del triumviro Cemal Paşa, uno dei principali responsabili del genocidio. Questo libro è il racconto di una sofferta presa di coscienza della realtà del genocidio armeno e dell’importanza del suo riconoscimento come momento fondamentale della crescita culturale e morale della Turchia.

Info su pagina Facebook del Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena

Ferrari  24-11-2015


21 novembre 2015

PONTIFICIO ISTITUTO ORIENTALE Presentazione ufficiale dell’opera documentale “LA QUESTIONE ARMENA” A cura di Georges-Henri Ruyssen, SJ, che si terrà sabato 21 novembre 2015 alle ore 16:30 presso il Pontificio Istituto Orientale. 

Una coedizione Edizioni Orientalia Christiana & Valore Italiano™ Lilamé™

Indirizzo di saluto del Rettore del Pontificio Istituto Orientale P. David E. Nazar, SJ Presiede P. Cesare Giraudo, SJ

Intervengono: E. R. Mons. Boghos Levon Zekiyan (Arcivescovo di Istanbul degli Armeni) | E. R. Mons. Cyril Vasil’, SJ (Segretario della Congregazione per le Chiese Orientali) | Prof. Andrea Riccardi (Fondatore della Comunità di Sant’Egidio) | S. E. Sign. Mikayel Minasyan (Ambasciatore della Repubblica d’Armenia presso la Santa Sede e lo SMOM) | P. Georges-Henri Ruyssen, SJ (Curatore dell’opera) | Dr. Mario Pirolli (Editore di Valore Italiano™ – Lilamé™) | P. Dertad Bazikyan (Intermezzo musicale)

Seguirà rinfresco Link al Depliant e alla Locandina: http://goo.gl/kgxWfS – http://goo.gl/E8ET9F

Il curatore dell’opera, Georges-Henri Ruyssen SJ, è un gesuita belga, nato nel 1967, insegna al Pontificio Istituto Orientale (Roma) e al Centre Sèvres, Facultés Jésuites (Parigi).

Ha curato La Questione Armena Vol. I, 1894-1896, Documenti dell’Archivio Segreto Vaticano (ASV); Vol. II, 1894-1896, Documenti dell’Archivio della Congregazione per le Chiese orientali (ACO); Vol. III, 1908-1925, Documenti dell’Archivio della Congregazione per le Chiese orientali (ACO); Vol. IV, V e VI 1908-1925, Documenti dell’Archivio Segreto Vaticano (ASV) & dell’Archivio Storico della Segreteria di Stato, Sezione per i Rapporti con gli Stati (SS.RR.SS. ). Edizioni Orientalia Christiana – Valore Italiano Lilamé, Roma 2013-2014-2015.


-HRAND


19-20 novembre 2015 | Università degli Studi “Roma Tre” Ricerche italiane sull’Asia centrale e sul Caucaso Convegno di studi – PROGRAMMA


9-11 novembre 2015 – Biblioteca Ambrosiana | Milano Convegno | Tradizione, memoria e modernità


6-15 novembre 2015 | ore 9,00 – 20,00 | Sala polifunzionale del Parco di Monte Claro | Cagliari

Locandina Cagliari sito

Locandina – programma


Novembre 2015 – Casa di Cristallo | Padova Logo Casa di Cristallo Calendario degli incontri


7 novembre 2015 | Casa Armena di Milano XIX Seminario Armenistico 2015


Ferita Armena


Armenia civiltà di frontiera 10-2015 (2) (1)


23 ottobre 2015


темплейт квадрат 1


Assisi


Locandina 1 ottobre 2015


Ai soci e agli amici di Italiarmenia

Cari amici e associati, vi ricordiamo l’appuntamento di Martedì 29 Settembre a Padova, con la proiezione del Film “Mayrig”, che avrà luogo presso la – Sala Fronte del Porto – del Cinema Porto Astra, Via Santa Maria Assunta, 20 – Fermata Tram “Assunta”, orario 20,45.

Ingresso libero | ASSOCIAZIONE ITALIARMENIA LOCANDINA FILM MAYRIG 29.9.2015


DOMENICA 20 SETTEMBRE ORE 21.00 | Chiesa Parrocchiale | Piazza Santa Maria Nascente | FENEGRO’ (CO)

Concerto per Tromba e Organo | Mario Mariotti, tromba | Fabio Nava, organo

Programma di sala: G. Ligeti (1923-2006) – Die große Schildkröten-Fanfare vom Südchinesischen Meer (tromba sola) | B. Bettinelli (1913-2004) – da “Libere Varianti su temi di inni di S.Ambrogio”: II. Intende qui regis Israel* | A. Hovhaness (1911-2000) – Haroutiun (I. Aria II. Fugue) | M. E. Bossi (1861-1925) – Scherzo in sol minore op.49 n.2* | B. Bettinelli (1913-2004) – Duplum | P. Hindemith (1895-1963) – Zweite Sonate fur orgel* | V. Persichetti (1915-1987) – The Hollow Men | M. Reger (1873-1916) – Tokkata und Fuge op.59* | G. Deutschmann (1933) – Introduktion & Allegro

*brani per organo solo


roll-up armeni 2015.indd Programma in dettaglio


COMUNICATO STAMPA: AMEN PROJECT AD APRILE 2016

A causa di insormontabili problemi tecnici e organizzativi, la produzione e gli enti interessati hanno deciso di rimandare la messa in scena di Amen Project all’Arena di Verona prevista per il 29 settembre 2015, all’aprile 2016. Per il rimborso dei biglietti già venduti, gli interessati possono rivolgersi alle prevendite dove è stato effettuato l’acquisto per la procedura di rimborso o conferma per nuova data che verrà comunicata a breve.

PRESS RELEASE ON POSTPONEMENT OF AMEN PROJECT  UNTILL APRIL 2016

Due to insurmountable technical and organizational reasons, the production and the institutions concerned have decided to postpone the staging of Amen Project at Arena di Verona scheduled for September 29, 2015 to April 2016. We apologize for this inconvenience and are more than committed in the success of the concert in April 2016. For the reimbursement or the confirmation of the tickets already sold , interested parties should contact the pre-sales agencies. The new date will be communicated shortly.

Addetta stampa: Cecilia Leo – 333.9287849


Convegno Giusti 2015 Palazzo Marino


POSTER AMEN_FINALE (3)


FESTIVAL MITO: ARMENIA PROTAGONISTA NEL CENTENARIO DEL GENOCIDIO

Il coro della Chiesa armena di scena domenica 13 settembre, ore 21.30, al Teatro Out Off

Milano, 7 settembre – Nel centenario del genocidio del popolo armeno, MITO, rassegna musicale giunta alla nona edizione, apre le porte all’Armenia e alla sua cultura millenaria. Domenica 13 settembre, alle ore 21.30, al Teatro Out Off, di scena il coro della Chiesa Armena dei Santi Quaranta Martiri per un viaggio nella tradizione musicale liturgica del paese caucasico inserito nella sezione “Voci dello spirito” dedicata al suono nelle diverse culture religiose presenti a Milano. Il programma di sala prevede l’esecuzione dei più noti brani della Chiesa armena dal IV secolo ad oggi. Syuzanna Hakobyan, Ani Balian, mezzosoprano accompagnati al pianoforte da Ani Martirosyan e Rosy Anoush Svazlian accompagnata da al piano da Andrea Manzoni. Posto unico numerato 15 euro. Biglietti acquistabili sul sito www.mitosettembremusica.it.


Comunicato stampa

L’Orchestra Filarmonica della Scala per l’ArmeniaFilarmonica della ScalaDaniel Harding direttore | Alessandro Taverna pianoforte | 1915 – 2015 Centennial of the Armenian Genocide

download

In occasione del centenario del Genocidio armeno, sabato 5 settembre l’Orchestra Filarmonica della Scala diretta da Daniel Harding sarà ospite dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma (Sala Sinopoli – ore 21.00) con un concerto speciale.

Un evento straordinario che rientra in un progetto di più ampio respiro dal titolo “With you Armenia” partito da Gerusalemme lo scorso marzo dove ha riscosso notevole successo. Oltre Roma, l’iniziativa include altre tappe molto importanti tra cui la Carnegie Hall di New York con Evgeny Kissin e Krzysztof Penderecki, a Londra con la Royal Philharmonic Orchestra e Pinchas Zukerman, a Bruxelles l’Orchestra Nazionale Belga e ultima prestigiosa tappa a Vienna al Musikverein. Finalità del progetto è proprio quella di sensibilizzare sul tema del genocidio armeno attraverso musicisti di fama mondiale, le cui parole attirano l’attenzione di milioni di persone e dei mass media.

Portavoce di questo gesto di sensibilizzazione per l’Italia è l’Orchestra Filarmonica della Scala con il pianoforte solista di Alessandro Taverna e sotto la direzione uno dei più interessanti giovani direttori del panorama internazionale, Daniel Harding. L’evento, al quale presenzierà il Ministro della Cultura della Repubblica d’Armenia Sig.ra Hasmik Poghosyan, è organizzato con la collaborazione di Emilia Romagna Festival e dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia.

Harding dirigerà il Concerto n. 3 per pianoforte e orchestra di Ludwig Van Beethoven nell’esecuzione di Alessandro Taverna giovane e già affermato pianista veneto, indicato dalla critica musicale internazionale “il successore naturale del suo grande connazionale Arturo Benedetti Michelangeli”. Eseguito con Beethoven al pianoforte il 5 aprile 1803 a Vienna (direttore J. von Seyfried), il Concerto n.3 in do minore op. 37 viene pubblicato l’anno dopo, incontrando un successo che ne ha fatto per tutto l’Ottocento il concerto pianistico beethoveniano più eseguito.

Completano il programma la Sinfonia n. 8 di Antonín Dvořák considerata, assieme alla Sinfonia n. 7 in Re minore e alla più nota Sinfonia n. 9 in Mi minore, il picco degli scritti sinfonici del compositore boemo e tra le sinfonie meglio riuscite del XIX secolo; e “Waltz” di Aram Khachaturian, compositore russo di origine armena, conosciuto dal grande pubblico soprattutto per la “Danza delle spade”, ma autore anche di vari brani classici utilizzati talvolta nelle colonne sonore di alcuni film per la loro comunicativa immediata e passionale. Accordi fragorosi al limite della dissonanza e tocchi più lievi si susseguono in questo pezzo, primo di cinque movimenti della Masquerade Suite composta da Khachaturian per alcune musiche di scena.


014.1-150707-V5.0-WEB

Nel 1915 il mondo, già travolto dalle devastazioni della prima guerra mondiale nel cuore dell’Europa, veniva scosso da un’altra terribile tragedia, che ha visto oltre un milione di armeni sterminati all’interno del secolare e rinfocolato conflitto con lo stato turco espansionista. Differenze etniche, religiose e politiche determinarono una serie di tragici episodi che si protrassero per alcuni anni, determinando alla fine un numero di morti tra gli armeni davvero agghiacciante. Quanto accadde è tutt’ora oggetto di dibattiti e tensioni, nella ricerca di una verità condivisa che la storia possa far propria. Le recenti parole del Pontefice hanno rimesso la questione armena, proprio in occasione del Centenario del Genocidio, di nuovo al centro dell’attenzione mondiale. Di certo, oltre a morire centinaia di migliaia di persone, nuclei interi sono stati cancellati dalla faccia della terra, e migliaia di scampati alla terribile strage sono emigrati, cercando asilo in ogni angolo del mondo. Dal 1991 l’Armenia è di nuovo uno stato sovrano anche se il suo simbolo, il monte Ararat, si trova in territorio turco. Gli armeni stanno comunque ricostruendo una nazione, obiettivo che per decenni era rimasto un sogno, un “Armenian dream”, appunto. Ritenendo che la cultura e l’arte possano essere la base per una convivenza pacifica, il piccolo tassello che questo progetto musicale rappresenta, vuole esser parte di un più ampio disegno che regali finalmente la pace all’uomo, non solo in quelle terre, superando le antiche divisioni fra i popoli, che hanno tutti diritto di vivere sulla loro terra con dignità e nella prosperità. Questo nuovo lavoro, prodotto per il Mittelfest 2015, vede l’incontro dello straordinario cantante e percussionista armeno Arto Tunçboyacıyan – attivo nel campo del folk e del jazz, celebre per aver collaborato con Chet Baker, Al Di Meola, Joe Zawinul, ed aver diretto l’Armenian Navy Band – con il pianista e compositore friulano Claudio Cojaniz, partito dalla musica contemporanea ma da trent’anni ai vertici del jazz italiano. Il progetto vedrà all’opera una nuova edizione della N.I.O.N. Orchestra, che si avvarrà in questo caso della prestigiosa presenza del violinista rumeno Alexander Balanescu, strumentista virtuoso (ha suonato nel Quartetto Arditti ed ha fondato il Balanescu Quartet) e poliedrico, che ha frequentato sia il rock (David Byrne, John Lurie) che il jazz (John Surman, Carla Bley), diventando noto al grande pubblico soprattutto come solista dell’ensemble di Michael Nyman. Questa produzione di Euritmica per il MittelFest 2015 debutterà il 25 luglio a Cividale e giungerà il giorno successivo a Venezia in versione cameristica, senza la batteria e le tastiere elettriche. Il settetto diventerà quindi per l’occasione sestetto, valorizzando l’acustica naturale del Teatrino di Palazzo Grassi.

Sito Palazzo Grassi

prossimi concerti della rassegna: ottobre 2015, Tigran & The Yerevan State Chamber Choir, “Luys i Luso” novembre 2015, Daniele Di Bonaventura & The Vertere String Quartet, “Sine nomine” | Venezia, date e luoghi da stabilire

Rassegna stampa


locandina 14 luglio 2015

LA FONDAZIONE CENTRO STUDI TIZIANO E CADORE RICORDA TRA I PROSSIMI  APPUNTAMENTI DELL’ESTATE TIZIANESCA 2015

MARTEDI’ 14 LUGLIO 2015 – ORE 18.00

Adriano Alpago Novello e la Siria | con Manuela Da Cortà e Mohamad Ghaleb Ghanem

MAGNIFICA COMUNITA’ DI CADORE- PIEVE DI CADORE


9 luglio 2015 | Venezia Teatro La Fenice – ore 11.00 e ore 15.00

Su richiesta del M° Claudio Ambrosini, compositore, direttore e fondatore dell’Ex-Novo Ensemble, tre compositori armeni dell’ultima generazione partecipano grazie alla collaborazione del Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena di Venezia, alla Maratona Contemporanea che vede quaranta compositori selezionati provenienti da tutto il bacino del Mediterraneo. Le opere sono state commissionate dal Teatro La Fenice per il festival estivo “Lo Spirito della Musica” di cui una giornata è dedicata ogni anno alla musica contemporanea. Quest’anno il tema scelto è stato il dialogo fra le culture ed è dedicato alla novantesima della nascita di Luciano Berio. I tre compositori armeni sono Artur Avanesov, Michel Petrossian e Vache Sharafyan.

maratona contemporanea 35x100 stampaok


4 luglio 2015, h. 21.00  –  Palco Expo Centre  –  Milano

Nell’ambito della rassegna L’altra metà della Terra (Women’s Weeks, 29 giugno – 10 luglio 2015) e all’interno delle attività di Milano Expo Milano 2015, Sonya Orfalian parteciperà con un suo racconto alla Maratona di lettura Novel of the World. L’evento – in collaborazione con il Circolo dei Lettori di Torino e IO Donna – intende celebrare la pubblicazione del volume collettivo Il romanzo del mondo a cura della Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori.

Per saperne di più

Sonya all'Expo


locandina sinfonia

Concerto con una composizione di musica sacra dedicata alle varie tradizioni cristiane con due brani ispirati alla tradizione armena, cantati in lingua originale. La Sinfonia Eucaristica Voci per un canto universale per soli, flauto, coro e orchestra d’archi di P. Armando Pierucci ofm | La Sinfonia Eucaristica, composta da P. Armando Pierucci ofm al Magnificat di Gerusalemme, straordinaria terra di incroci di lingue culture e tradizioni, è una composizione sinfonico-corale costituita da dodici melodie sacre, proprie delle diverse confessioni cristiane. Cantico complesso e mirabile, riunisce liturgie dei primi secoli cristiani esaltando il carattere profondamente sinfonico delle Scritture. La novità dell’esecuzione torinese sta nel fatto che avviene nel contesto della Ostensione della S. Sindone e del Bicentenario della nascita di S. Giovanni Bosco ad opera di giovani e giovanissimi di diverse appartenenze.


Corso di duduk 06-2015_Page_1

Corso di duduk 06-2015 | Duduk Workshop 06-2015

06.07.2015 – UNESCO Venice Office | Duduk Music, inscribed on the Representative List of the Intangible Cultural Heritage of Humanity, returns to Italy


Circolo Culturale Bellse LOc


Teatro Olimpico  Armenia

Comuncato stampa_SettimaneMusicaliVicenza_La serata dedicata all’Armenia


Mostra fotografica


8 giugno 2015

Venezia | Casa del Cinema, ore 17 | Presentazione del libro di Paola Mildonian | Sayat-Nova – Canzoniere armeno” | con la proiezione a seguire del film di Sergej Paradjanov sul grande trovatore caucasico.

Sayat_Copert11

Copertina libro in pdf


intestazione

Sarà presentato giovedì  28 maggio – presso la sede della Società Dante Alighieri, (Palazzo Firenze, P.zza Firenze, 27 – Roma) alle 18:00 – il libro di  Andrea Riccardi La strage dei cristiani. Mardin, gli armeni e la fine di un mondo (Laterza, 2015).

La strage dei cristiani

Dopo le presentazioni in Italia e all’estero, il volume fa nuovamente tappa a Roma, presso la sede della Società di cui il prof. Riccardi è stato eletto Presidente lo scorso 22 marzo.

All’incontro interverranno, oltre all’autore, Marco Damilano, Anna Foa, Umberto Gentiloni e Marco Impagliazzo. Coordina Alessandro Masi.

Scheda libro | Mardin è una delle tante città dell’impero ottomano dove, durante la prima guerra mondiale, si è consumata la strage degli armeni e dei cristiani. Una violenza che ha segnato in profondità quelle regioni e che non è cessata: sono passati cento anni e la persecuzione in Medio Oriente continua. Anche oggi, a pochi chilometri da Mardin, oltre la frontiera turca, in Siria e in Iraq, si combatte con una crudeltà senza misura. Di nuovo, come allora, si assiste a deportazioni, massacri, sgozzamenti, rapimenti, vendita di donne e di bambini. Molti si chiedono: da dove viene tanta ferocia? Dal profondo di una religione, l’islam, o da una storia di convivenza difficile? Oggi, come ieri, si consuma una pagina della ‘morte’ dei cristiani d’Oriente.

In La strage dei cristiani. Mardin, gli armeni e la fine di un mondo Andrea Riccardi, attraverso una ricca documentazione, ricostruisce per la prima volta quei fatti drammatici di cento anni fa: la razzia dei beni, le uccisioni indiscriminate, le deportazioni delle donne, le separazioni delle madri dai figli. È la storia, sinora taciuta o ignorata, della disgregazione di un tessuto umano e culturale antichissimo. Non solo gli armeni, ma anche i siriaci, i caldei, gli assiri, furono vittime due volte: la prima volta dei massacri, la seconda del silenzio imposto per decenni, sino a pochi anni fa, dalla Turchia sui fatti accaduti.


Venerdì 22 maggio | ore 21.00 | Padova presso la Sala Livio Paladin di Palazzo Moroni, (Municipio – Via VIII Febbraio)

Presentazione del libro “Siria perché” – lettere da Damasco dell’Ambasciatrice Laura Mirachian; intervengono l’Autrice Laura Mirachian e Antonia Arslan.

invito presentazione libro SIRIA PERCHE'


Venerdì 22 maggio | ore 10.30 | Venezia nella bellissima cornice di Villa Hériot alla Giudecca, vi segnaliamo l’iniziativa “Verso il Giardino dei Giusti”

Verso il Giardino dei Giusti a Venezia


volantino mudec Volantino in pdf


Mercoledi 20 Maggio 2015 – ore 13

SCUOLA DI PSICOLOGIA E SCIENZE DELLA FORMAZIONE VICEPRESIDENZA DI BOLOGNA Corso di Antropologia dei processi migratori ALMA MATER STUDIORUM – UNIVERSITA’ DI BOLOGNA

In occasione della pubblicazione del volume Presenza armena in Italia (1915-2000) | Guerini, Milano, 2014 L’autore Agop Manoukian discuterà la sua ricerca con Bruno Riccio (docente di Antropologia dei processi migratori presso l’Università di Bologna) e Anna Sirinian (docente di Cultura e lingua armena presso l’Università di Bologna) | Aula 1 – via Zamboni 32

Logo Università di Bologna                      Locandina e programma


locandina-armeniweb

L’Arcivescovo di  Istanbul P. BOGHOS LEVON ZEKIYAN a Verona dal 16 al 17 maggio per dare il “la” alla IV edizione del  Festival Bibilico

Programma


DOMENICA 3 maggio alle ore 11:00 | presso la LIBRERIA FELTRINELLI, Via San Francesco 7, Padova

SABATO 9 maggio alle ore 17:30 | presso la LIBRERIA IBS+-LIBRACCIO, Via Altinate 63, Padova.

ANTONIA ARSLAN

presenterà il suo nuovo romanzo Il rumore delle perle di legno | Rizzoli, Milano 2015

Il rumore delle perle di legno


Dadoyan-5Mag2015-Def


 

Dadoyan-4Mag15-Padova


Invito alla presentazione del volume LIBRO PER PIETRO di Herman Vahramian | Edizioni Medusa

martedì 28 aprile 2015 – ore 18,00 | Biblioteca Sormani, Sala del Grechetto | Via Francesco Sforza 7 Milano

Intervengono: Antonia Arslan, scrittrice | Marco Belpoliti, critico | Agopik Manoukian, presidente del Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena | Roberto Righetto, giornalista di «Avvenire»

Herman Vahramian – Libro per Pietro


20 aprile 2015 | Casa Armena – Milano

COMUNICATO STAMPA | Il Progetto Di Formazione al Restauro in Armenia vince un Europa Nostra Award 2015

Politecnico Politecnico | Winner-Armenia


Dal 16 aprile al 16 ottobre 2015 – Varie iniziative dell’Associazione Suoni e Pause diretta dalla pianista e compositore Irma Toudjian Le Salon de Musique – La Marche dans le désert

Programma


24 marzo 2015

12 Aprile 2015 – ore 20.00

Concerto dell’Orchestra Filarmonica della Fenice in occasione del Centenario del Genocidio Armeno | Con musiche di Aram Khatchaturian, una prima italiana di Tigran Mansurian (presente in sala) e Ludwig Van Beethoven | Protagonisti: il violoncellista Mario Brunello Susanna Mälkki alla direzione d’orchestra.

Teatro La Fenice

L’iniziativa, accolta e organizzata dalla Fondazione Teatro La Fenice, è stata promossa dal Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena di Venezia con il patrocinio delle istituzioni statali armene, dell’Ambasciata della Repubblica d’Armenia e dell’Unione degli Armeni d’Italia.

L’appuntamento è stato ideato e concordato tra le parti molto tempo prima dell’annuncio della solenne messa che sarà celebrata nella Basilica di San Pietro dal Santo Padre, in commemorazione delle vittime del Genocidio armeno. Una data che si sovrappone e vedrà molti membri della comunità armena d’Italia recarsi in Vaticano e che non saranno in grado di raggiungere Venezia per questa occasione eccezionale.

Per l’acquisto dei biglietti visitare il sito web del Teatro La Fenice

La Fenice, 12 Aprile 2015 - Locandina

Locandina in formato pdf


- 08 APRILE 2015


Ararat CAI


15 marzo 2015 IX Giornata di Studi Armeni e Caucasici | 19 marzo | Venezia armeni caucasici


8 marzo 2015

Incontro con Laura Efrikian promosso dall’Associazione della Comunità Armena di Roma e del Lazio:

La storia, ricca di aneddoti inediti ed esilaranti della “coppia per eccellenza”, Gianni Morandi e Laura Efrikian, che ha fatto sognare generazioni di giovani e non solo. La storia personale di Laura, della scoperta della sua “armenità” e del suo attuale impegno per l’Africa. Un libro e un album di fotografie di leggere e sfogliare d’un fiato.

Poster_Laura Efrikian


4 marzo 2015


2 marzo 2015 Torino


24 febbraio 2015

21 marzo 2015 a Castello di Rivoli, ore 21

SUONI E PAROLE DALL’ARARAT Quartetto d’archi “Nor Arax”, con la partecipazione di Levon Minassian (duduk), Jean-Pierre Nergararian (kamantcha) e Cristina Palermo (voce recitante)

Programma in pdf


16 febbraio 2015

Presentazione del libro “Presenza Armena in Italia: 1915-2000″ di Agop Manoukian, all’Istituto per l’Oriente C.A. Nallino di Roma, venerdì 6 marzo, 2015 – ore 17.00

presentaz libro Manoukian (1)


Seminario sull’Arte Armena a Ca’ Foscari – Venezia | febbraio-aprile 2015

Arte armena 2015 (1)


12 febbraio 2015 Ciol_invito mail_ok Locandina-invito in pdf


3 febbraio 2015

Presentazione del libro “Presenza Armena in Italia | 1915-2000″ di Agop Manoukian, a Parma, giovedì 12 febbraio alle ore 18 presso la Libreria Feltrinelli, via Farini 17. L’iniziativa è stata promossa e a noi comunicata dalla nostra associata, prof.ssa Gabriella Uluhogian, che ringraziamo.

Segreteria Unione degli Armeni d’Italia


19 gennaio 2015

Locandina presentazione del libro “Presenza Armena in Italia | 1915-2000″ di Agop Manoukian, all’Ateneo Veneto – Venezia | 30 gennaio 2015, ore 17.30

[ Vedi l’articolo sull’iniziativa con immagini di Giuseppe Munarini, in fondo alla pagina ]

manifesto-V2.0 Comunicato stampa Ateneo Veneto – CSDCA


Presentazione del libro Presenza  Armena in Italia, 1915-2000 di Agop Manoukian, Ed Guerini e Associati, Milano 2014.

Venerdì 30 gennaio presso la “Sala Tommaseo” dell’Ateneo Veneto di Scienze, Lettere ed Arti in Venezia, alle 17.30 è stato presentato il libro Presenza Armena  in Italia 1915-2000 di Agop Manoukian. La sala dell’Ateneo era gremita di studiosi ed amici armeni ed italiani convenuti non solamente dalla Città di San Marco.

Il pubblico nella Sala Tommaseo dell'Ateneo Veneto

Il pubblico nella Sala Tommaseo dell’Ateneo Veneto

La Casa Editrice milanese che, come si sa, ha ed  ha avuto il merito di pubblicare numerose opere concernenti la storia, la cultura, ancora una volta ha dimostrato la sua sensibilità per il mondo armeno.

La presentazione del libro è stata  possibile grazie al Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena, all’Ateneo Veneto, all’Assessorato alle attività culturali del Comune di Venezia ed ha avuto il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica d’Armenia e dell’Unione degli Armeni d’Italia.

Tra i relatori segnalo la presenza del noto editorialista ed ex vice direttore de “il Gazzettino” Edoardo Pittalis, del Direttore delle Attività Culturali del Comune Roberto Ellero, mentre il terzo relatore, Michele Gottardi, direttore della rivista “Ateneo Veneto”, era assente per impegni accademici imprevisti. Sua Eccellenza Sargis Ghazaryan, Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario della Repubblica d’Armenia in Italia era pure presente ed ha rivolto in un fluente italiano il suo saluto.

L’Autore è armeno da parte di padre, oriundo dalla Cilicia, salvatosi dal Genocidio, italiano da parte di madre. Egli è nato a Como ed ha una formazione di economista, ma si è occupato anche, nei suoi studi, di sociologia.  È socio fondatore e Presidente del Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena – Oemme Edizioni ed ha studiato anche la storia di comunità e di gruppi familiari armeni. Anche grazie a questi studi è nato il suo libro.  Agop Manoukian ha anche manifestato la sua alacrità impegnandosi nella Comunità armena, sino a diventare Presidente dell’Unione degli Armeni e poi Presidente Onorario.

Il Presidente dell’Ateneo Veneto, prof. Guido Zucconi ha espresso parole di  saluto e di soddisfazione per l’importante manifestazione che si svolge nel centenario del Genocidio. Minas Lourian, direttore del Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena, promotore e coordinatore dell’iniziativa, ha ringraziato  i relatori, i presenti ed in modo particolare l’Ambasciatore che, nonostante i numerosissimi impegni, ha voluto essere presente all’iniziativa, concedendo il Patrocinio dell’Ambasciata.

Il dottor Roberto Ellero è una vecchia conoscenza del mondo armeno-veneziano, sensibile alla cultura ed alla voce dell’Armenia e della Diaspora. Va ricordata, infatti, la rassegna cinematografica del 1983 che aveva portato le immagini di registi della Madre Patria e della Diaspora con una serie di film di fondamentale importanza per il messaggio e le tematiche esposte, oltre a numerose altre iniziative e retrospettive di famosi registi armeni promossi in collaborazione con il Centro Studi e Documentazione della Cultura Armena.

S.E. l’Ambasciatore Sargis Ghazaryan

S.E. l’Ambasciatore rappresentante la Repubblica d’Armenia non solo in Italia, ma anche in Portogallo, Slovenia, Croazia e Malta, ha salutato i presenti, esprimendo nel contempo la sua gratitudine ai Padri Armeni, essendo stato un allievo del loro Collegio Armeno “Moorat-Raphael”. Egli ha sottolineato i rapporti tra gli Armeni e l’Italia in generale, nonché Venezia in particolare, tratteggiando con poche, ma efficaci pennellate, la presenza armena nell’Impero romano, poi nel Medioevo, soprattutto con il regno di Cilicia. Si andò così creando una rete di commerci, ma anche una circolazione di cultura tra l’Armenia e l’Occidente, rafforzata dalla presenza dei Mechitaristi che avevano ed hanno come scopo quello ci far conoscere la cultura armena all’Occidente e la cultura occidentale agli Armeni. Grazie a loro nacque il Risorgimento armeno o se vogliamo quel Rinascimento religioso, culturale e letterario che rafforzò negli Armeni il senso di appartenenza, il desiderio di riforme, pagato con il Genocidio, ma anche con l’effimera repubblica d’Armenia.

Il dottor Edoardo Pittalis ha ricordato che la stampa italiana non aveva mai affatto trascurato il Genocidio, infatti numerosi articoli erano apparsi sui giornali anche locali come “Il Gazzettino” e sulle riviste italiane quali “La Domenica del Corriere” che ebbe una copertina del celebre Achille Beltrame (1871-1945). grazie al quale i fatti del mondo entravano nelle case anche più remote. Del Genocidio non s’era taciuto anche perché l’Italia era passata dalla Triplice Alleanza alla Triplice Intesa, quindi, la Turchia, schierata con gli imperi Centrali era divenuta sua nemica. Con l’andare del tempo, si seppe sempre più degli Armeni che giunti in Italia come orfani – a questo proposito  vanno ricordati gli aiuti del Vaticano che accolse giovani fanciulle a Castel Gandolfo, poi aiutate a Torino dalle Suore Armene.

Inoltre, va rilevato che molti armeni si inserirono nel tessuto italiano, alcuni  schierandosi politicamente anche su fronti opposti, come i partigiani o i soldati della Folgore. Fu grazie anche al film di Henri Verneuil “Mayrig” con Omar Sharif e Claudia Cardinale, che il pubblico di media levatura è venuto a conoscenza della catastrofe armena. A questo si deve aggiungere il successo di “La Masseria delle Allodole” della Prof.ssa Antonia Arslan, padovana di origine armena che fa conoscere nel suo libro, scritto in un italiano ricco, fluente ed avvincente, le amare vicende che, da noi in Italia, avevano fatto sentire la loro eco.

Roberto Ellero - Edoardo Pittalis - Agop Manoukian

Roberto Ellero – Edoardo Pittalis – Agop Manoukian

Il libro del dottor Agop Manoukian che consta di 381 pagine ed è diviso in 18 capitoli e consta di una cronologia e di un apparato di appendice, come ha rilevato lo stesso autore che si sofferma sulla presenza armena in Italia, presentando la storia da diverse angolature. Nella narrazione si cerca di scoprire una traiettoria, di operare un paziente lavoro di ricucitura. Gli Armeni stessi non conoscevano certi fatti, in parte serbate negli archivi familiari. L’esposizione di Manoukian è stata integrata dalla proiezione di immagini che presentavano edifici, quali quello di Asolo, in Provincia di Treviso, oppure significative raffigurazioni in cartoline che volevano far conoscere l’architettura, scrittori, condottieri o personaggi. Non mancarono le edizioni a stampa di  storie, testi allegorici oppure romanzi quali quello di Hrant Nazariantz (1886-1962) che pubblicò per i tipi dell’Edizione Laterza di Bari, saggi e poesie, come quello dell’infelice poeta Bedros Turian (1851-1872), spentosi a soli vent’anni.

Si trovano nel libro i ricordi delle azioni di rappresentanza e solidarietà fatti dagli Armeni per i prigionieri italiani, che eroicamente avevano combattuto nel Primo Conflitto Mondiale. Se non possiamo aiutare i nostri fratelli, sembravano dire questi patrioti armeni, aiutiamo almeno coloro che si sono battuti al fronte. Gli Armeni volevano così dimostrare la solidarietà nei riguardi degli Italiani, atteso che da questi erano stati aiutati. L’autore non dimentica di ricordare anche gli studiosi italiani che hanno contribuito a lumeggiare molti aspetti culturali della vita e della cultura armena.

Il libro che sarà presentato più avanti anche per i nostri lettori con una recensione, senza ricorrere alla retorica o all’agiografia, ricostruisce molti aspetti storici e ci permette di ricostruire la memoria nelle sue più importanti sequenze.

Numerosi ed interessanti sono stati, da ultimo, gli interventi del pubblico e sarebbero senz’altro continuati se l’ora ormai non fosse inoltrata.

Giuseppe Munarini

P1000903